Truffe agli anziani, arriva la svolta: respinto l’85 per cento degli assalti

( Fonte Il Corriere )

Nel 2015 fallivano solo due tentativi su dieci. «Ora i pensionati si ribellano»

La mattinata dei truffatori inizia alle 9.04. Martedì 27 giugno, prima telefonata a casa di un’anziana in via Gozzi, zona piazzale Susa. Un «avvocato» chiede 2 mila euro per un’assicurazione. Seconda telefonata, ore 9.24, via Canaletto (poco distante). Un «avvocato» chiede 4.500 euro per il figlio della donna che avrebbe avuto un incidente. Terza telefonata, 9.33, via Birago, sempre stessa zona: solito «avvocato» che parla di un incidente al figlio della donna. La giornata si chiude alle 14.50, con l’ultima chiamata in casa di un’anziana in via Fratelli Rosselli. A fine pomeriggio, nelle stanze dell’Ufficio prevenzione generale della Questura, si fa l’analisi dei dati della giornata: 14 tentativi di truffa in meno di 6 ore, solo una donna (79 anni) ha consegnato 300 euro e alcuni gioielli a un finto avvocato. Ma 13 potenziali vittime hanno reagito, alcune hanno subito attaccato il telefono, altre hanno verificato se nipoti o parenti fossero davvero in difficoltà, tutte hanno avuto un sospetto e hanno chiamato la polizia.

( Prosegue su Il Corriere )