Quartiere Libertà messo in ginocchio dai ladri: arriva il controllo di vicinato

( Fonte Qui Brianza )

MONZA – Non si tratta di diventare sceriffi, farsi giustizia da soli e, nemmeno, organizzare ronde: giovedì è stato presentato il Controllo del Vicinato al quartiere Libertà. Il primo in arrivo nella nostra città

Arriva a Monza il controllo di vicinato. Nessuna ronda, né tanto meno la sagra degli impiccioni a sbirciare chi entra e chi esce dall’appartamento del vicino. Ma un progetto ormai collaudato in tutto il mondo teso a rendere difficile la vita ai ladri, il tutto in stretta collaborazione con le forze dell’ordine.
Ad inaugurare questa iniziativa – tanto in voga soprattutto nei piccoli centri urbani –  sarà il quartiere Libertà da anni  martoriato dai topi di appartamento che colpiscono anche in pieno giorno  e dai vandali che rompono i finestrini della auto per rubare anche il seggiolino del bambino.
Il progetto è stato presentato giovedì sera al Centro civico di viale Libertà davanti a un pubblico numeroso e interessato. Al tavolo dei relatori l’assessore alla Sicurezza Paolo Confalonieri che ha promosso e abbracciato l’iniziativa che era dallo scorso autunno che i residenti caldeggiavano e sollecitavano e il comandante della polizia locale Alessandro Casale.
L’iniziativa è stata illustrata da Camillo Redaelli che da tempo ha avviato il progetto con successo in un quartiere residenziale di Desio.
In attesa della creazione dei gruppi e della formazione dei volontari Redaelli ha fornito anche utili suggerimenti per creare una sorta di collaborazione di vicinato, ostacolando o sventando i furti.
Basta poco: soprattutto un po’ più di attenzione.
( Prosegue su Qui Brianza )