Ladri in casa, la donna finge di dormire

( Fonte Gazzetta di Reggio Emilia )

Banda in azione in via Aleardi, la badante si chiude a chiave in camera per paura. I carabinieri arrestano uno dei tre

REGGIO EMILIA. Accortasi di avere i ladri in casa, prima si è chiusa a chiave dentro la camera da letto; poi, quando i malviventi hanno spaccato la porta, la donna ha finto di dormire, per paura di eventuali ritorsioni. Una serata da dimenticare per la terrorizzata residente, una donna che in quella casa lavora come badante, fino a quando sono arrivati i carabinieri a “liberarla”. Stavolta però il colpo è andato male per i “ladri acrobati”, sorpresi prima da un cittadino, poi dai militari giunti con tempestività: due sono riusciti a fuggire, mentre un terzo è finito in manette.

L’arrestato Xhelil Reci, albanese 32enne residente a Sorbolo (Parma), è accusato di furto aggravato e continuato in abitazione nonché di ricettazione (per l’auto rubata sequestrata sul posto insieme agli attrezzi del mestiere).

È stata la collaborazione dei cittadini a sventare l’ennesimo colpo dei ladri d’appartamento. Bande che agiscono all’imbrunire prendendo di mira appartamenti per furti in serie, che compiono con la medesima modalità: si arrampicano a grondaie e tubi del gas, raggiungono i balconi anche di appartamenti posti agli ultimi piani, forzano le porte finestre, entrano in casa e quindi svaligiano le abitazioni.

( Prosegue su Gazzetta di Reggio Emilia )