Cittadini contro la criminalità, parte il controllo di vicinato

( Fonte Il Tirreno )

I primi tre cartelli verranno installati in via Liguria e via Cividale, ma anche via Garibaldi sarà “vigilata” dai residenti. La presentazione del progetto nella Sala consiliare del Comune di Montecatini

MONTECATINI. I primi tre cartelli che recano una sorta di “avvertimento” da parte del cittadino circa il proprio contributo alle politiche di sicurezza, saranno a breve installati in tre vie “difficili”, da questo punto di vista: Cividale, Liguria e Garibaldi.

Sono segnali gialli, rotondi (quelli che nella cartellonistica stradale significano divieto o pericolo e ben si intuisce di che cosa, in questo caso), con al centro disegnati un rappresentante delle forze dell’ordine al fianco di una famiglia (padre, madre e ben tre figli, merce rara in Italia…). E recano una scritta che lascia ben poco spazio all’immaginazione: “Zona controllo del vicinato”.

Il “controllo del vicinato” è nato, come quasi tutte le novità (soprattutto quelle legate al concetto di “difesa”), negli Stati Uniti, la patria del “not in my back yard” (in pratica: dove volete, ma non nel mio cortile, nel mio giardino). Nel nostro Paese si è sviluppato già da qualche anno al Nord, ma recentemente sta prendendo campo anche in Toscana: a Lucca, Montecarlo, ma se ne parla anche a Fucecchio e a Empoli.

( Prosegue su Il Tirreno )