Polo di via Carmigiani: manutenzione straordinaria e telecamere

( Fonte Gazzetta di Parma )

Il Comune, assessorato ai lavori pubblici, ha dato seguito agli interventi di manutenzione straordinaria del Polo Territoriale del Quartiere Montanara, situato in via Carmignani. I costi dell’intervento si aggirano sui 240 mila euro.
Esternamente l’edificio manifestava uno stato evidente di degrado, con particolare riguardo alle numerose formazioni di muffe in corrispondenza delle posizioni dei pluviali incassati e di molte delle parti finestrate, soprattutto sui fronti prospicienti via Carmignani.
“Era una risposta dovuta agli operatori socio – sanitari di AUSLe Comune che lavorano nella struttura, oltre che ai cittadini che la frequentano – ha spiegato l’assessore Michele Alinovi durante un sopralluogo al cantiere effettuato insieme al sindaco Federico Pizzarotti – è stato un intervento fortemente voluto dal sindaco e dall’assessore al welfare Laura Rossi, a fronte di gravi difetti costruttivi, 10 anni fa,  che hanno causato infiltrazioni d’acqua rilevanti fin dall’origine, tanto che è ancora in corso un contenzioso con l’impresa costruttrice. Ma nel frattempo, abbiamo deciso di intervenire rifacendo la copertura ad efficienza energetica e sostituendo una parte dei serramenti”.
“E’ un fatto positivo che si restituisca al quartiere Montanara un Polo socio-sanitario in condizioni accettabili – ha rilevato da parte sua il sindaco Federico Pizzarotti e l’anno prossimo contiamo di completare l’opera con i tinteggi e gli interventi di sistemazione delle aree esterne, per conferire alla struttura un aspetto più gradevole e adeguato alle funzioni che assolve”.
Nell’occasione – lo ha annunciato il dirigente del welfare comunale William Sgarbi – sono state installate le telecamere per garantire la sicurezza, così come è stato fatto negli altri poli territoriali.

polo_via_carmignani

L’edificio presentava problemi permanenti di otturazione dei bocchettoni di scarico dei pluviali, dovuti alla presenza di fogliame e terriccio, guaine impermeabilizzanti inadeguate, davanzali a filo facciata senza gocciolatoio e spesso in contro-pendenza che hanno prodotto nel tempo ristagni d’acqua e reiterate percolazioni sulle facciate.
A fronte dello stato dei luoghi e considerata l’urgenza dell’intervento, il Comune ha ritenuto di intervenire nel periodo estivo per porre rimedio a tali problematiche. L’intervento è avvenuto a cura di Parma Infrastrutture, che si occupa del patrimonio del Comune, e sarà ultimato entro il mese di ottobre.
E’ stato rifatto il tetto con una copertura di tipo metallico a bassa pendenza in grado di assicurare una perfetta tenuta nel tempo, senza necessità di installare nuove guaine e creare impatti visivi rilevanti sulle viste prospettiche. La soluzione adottata ha comportato un notevole alleggerimento dei carichi gravanti sui solai in quanto il peso medio a metro quadro della sottostruttura e della copertura risulta minore del corrispondente peso della zavorra in ghiaia che è stata rimossa.
E’ stata programmata anche la realizzazione di una canala di gronda in acciaio inox sagomata in modo tale da scaricare nei nuovi pluviali esterni alla muratura in maniera diretta.

( Prosegue su Gazzetta di Parma )

Comments are closed.